×

Re-connecting with Nature. Biofilia (ITA)

×

Biophilia 2020 (ITA)

Quando: 9-13 Ottobre 2020
Dove: St. Felix (Senale-San Felice / Unsere Liebe Frau im Walde-St. Felix), Val di Non / Nonstal  (Alto Adige / Südtirol)
Alloggio e attività principali: Felizitas 
Altre attività: sala polivalente zona artigianale St. Felix 
Durata: 5 giorni 
Partecipanti: 16 max
Lingua: italiano
Costo partecipazione:
entro il 6 settembre 2020: € 1.250.
entro il 13 settembre 2020: € 1.400.
Informazioni: info@living-future.eu 

Organizzazione: Living Future Europe

Partner:

Comitato tecnico-scientifico:

  • Carlo Battisti
  • Giuseppe Barbiero
  • Cristina Larcher
  • Marco Rossato
  • Rita Trombin

Sponsor: 

Media partner

La progettazione biofilica sta attirando l'attenzione sulla scia della pandemia globale come percorso di soluzioni per persone e città sane. Tuttavia, è stato un aspetto fondamentale di Living Building Challenge sin dal suo inizio e continua a fungere da schema importante per favorire la progettazione integrativa e focalizzata sugli occupanti dell’edificio. La progettazione biofilica scuote letteralmente il processo concettuale ponendo nuove domande, provoca nuove riflessioni sul potenziale dell'ambiente costruito e invita il team del progetto a esplorare i vantaggi di una progettazione finalizzata alla connessione uomo-natura.

Da ormai quasi vent’anni si stanno diffondendo in tutto il mondo strategie e programmi dedicati alla costruzione di edifici ecologicamente sostenibili. Ma siamo ancora lontani dal ridurre in modo efficace gli effetti ambientali negativi che sono generati dalle nostre città (gli edifici sono tuttora responsabili del 40% delle emissioni di gas serra a livello globale). La quantità di tempo che trascorriamo all’interno di edifici dove viviamo, lavoriamo, studiamo ha fatto crescere sempre più una domanda di rispetto del benessere psicofisico degli occupanti, per restituire bellezza, equità ed equilibrio con la Natura ai luoghi che abitiamo. In una parola: abbiamo bisogno di edifici progettati rispettando la biofilia.

La biofilia è l’innato amore per tutto ciò che è vivo e naturale ed è un tratto della psiche umana che si è forgiato nel corso dell’evoluzione della nostra specie. Ancora oggi, la biofilia ispira e condiziona le nostre preferenze ambientali. Un ambiente biofilico è prima di tutto un ambiente rigenerativo, dove si riduce lo stress e si recupera più facilmente da una fatica mentale. Progettare e costruire per un benessere misurabile in termini di percezione termica, neurologica, luminosa, olfattiva e di qualità dell’aria, acustica, estetica e motoria, è possibile.

Per salvaguardare la nostra salute, costruire in modo biofilico è ora un imperativo urgente. Per farlo, è necessario un approccio integrativo e multidisciplinare, che può beneficiare dell’esperienza immersiva nella natura, fornita da questo primo Biophilia “camp” organizzato in Italia. Biophilia 2020 vede riuniti professionisti da tutt’Italia e trainer provenienti da diverse discipline (biologia, psicologia, architettura, ingegneria, organizzazione e strategia aziendale) in un’esplorazione formativa dei vari aspetti della progettazione biofilica, per creare delle figure professionali in grado di provocare un cambiamento nella progettazione, realizzazione e gestione dell’ambiente costruito.

Questa è la filosofia dell’International Living Future Institute (ILFI) e della sua affiliata Living Future Europe (LFE), organizzazione no-profit che promuove l’impiego delle tecnologie e strategie progettuali sostenibili più avanzate e innovative oggi disponibili. ILFI pone in pratica questa filosofia attraverso il programma Living Building Challenge (LBC), la certificazione più rigorosa al mondo per edifici rigenerativi a tutto tondo, ora nella versione 4.0. Living Future Europe (LFE) è la no-profit affiliata di ILFI volta a promuovere anche in Europa l’approccio rigenerativo e i programmi dell’Istituto.

Un Viaggio Agile nella Progettazione Biofilica

Perché Agile? Biophilia 2020 fornisce anche l’opportunità per introdurre i partecipanti ad una metodologia di gestione dei progetti ancora relativamente nuova per il settore.

“Agile” nasce come un movimento alla fine degli anni ’90 e diventa ufficiale nel 2001, quando un gruppo di 17 “pensatori indipendenti”, esperti della progettazione e sviluppo software,  si incontrano e creano il “Manifesto for Agile Software Development” che tuttora rimane il riferimento principale ed ufficiale e la fonte di ispirazione per qualsiasi iniziativa che intenda qualificarsi come agile.  Agile è una filosofia, un “mindset”, all’interno del quale nascono dei “framework”, dei metodi di lavoro. 

Uno di questi è SCRUM, una metodologia che consente di organizzare il lavoro e i progetti in contesti caratterizzati da elevata complessità e instabilità, spesso dettati dalla necessità di accogliere il cambiamento, perché magari mutano i bisogni delle persone. Da diversi anni questa metodologia viene utilizzata con successo in ambiti e contesti differenti dallo sviluppo del software, sia per la gestione di progetti, che nella organizzazione di processi e flussi di lavoro.

I partecipanti, divisi in gruppi di lavoro, avranno la possibilità di apprendere le basi di questa metodologia e allenarsi a utilizzarla applicandola nei progetti che verranno sviluppati nel corso di queste giornate. Anche utilizzando tecniche di visual thinking e gestione della creatività come elementi fondamentali per lo sviluppo di nuove soluzioni ispirate dalla natura. Le attività si svolgeranno sia in modalità indoor, che outdoor, accompagnati da trainer e facilitatori che seguiranno i partecipanti in un percorso di apprendimento potenziato dalla immersione nella natura.

Arrivo e accoglienza: Giovedì 8 ottobre 2020 ore 18.00-19.30  

  • Giorno 1 – venerdì 9 ottobre 2020
  • Giorno 2 – sabato 10 ottobre 2020
  • Giorno 3 – domenica 11 ottobre 2020
  • Giorno 4 – lunedì 12 ottobre 2020
  • Giorno 5 – martedì 13 ottobre 2020

Programma di massima

Il programma potrà subire minime variazioni, senza compromettere l’impostazione complessiva della didattica. Elementi del programma:

  • Definizione, costrutti e filogenesi della biofilia.
  • I benefici del contatto con la natura, i diversi tipi di natura, i diversi tipi umani. 
  • Architettura: Biophilic Design. Ecopsicologia: Green Mindfulness.
  • Benefici della progettazione biofilica.
  • Fondamenti Mindset Agile e Scrum.
  • Progettazione biofilica e Living Building Challenge.
  • Elementi, attributi e patterns della progettazione biofilica.
  • Esplorazione biofilica, charrette e documentazione.
  • Scrum: applicazioni pratiche. 
  • Biophilic Cities.
  • Soluzioni aziendali per la biofilia e l’innovazione sostenibile. 
  • Yoga e mindfulness. 

Tipologia attività

  • Formazione frontale ed esperienziale
  • Workshop
  • Case studies
  • Outdoor ed esplorazione
  • Lavoro in gruppi su un progetto
  • Storytelling
  • Presentazione aziende (case histories)

Argomenti

  • La biofilia: storia evoluzionistica, costrutti psichici, funzionamento
  • Dalla biofilia alla progettazione biofilica: prove empiriche e verifiche sperimentali
  • Elementi e attributi di Stephen Kellert
  • Biofilia secondo Living Building Challenge
  • Esempi di progetti

Obiettivi formativi:

  • Definire e descrivere la biofilia e la progettazione biofilica (elementi, attributi, esempi di progetti)
  • Fornire strumenti e input progettuali per lo sviluppo di una strategia di progettazione biofilica
  • Sviluppare uno o più casi utili per introdurre l'approccio biofilico per i Vostri progetti
  • Delineare un piano di progettazione biofilica dal concept all'occupazione finale
  • Apprendere e applicare i fondamenti del “mindset” Agile e del metodo Scrum per un approccio biofilico

Keywords

biofilia, progettazione biofilica, sostenibilità rigenerativa, architettura, ingegneria, costruzioni, biologia, psicologia, mindfulness, yoga, agile management, indoor, outdoor, training, Dolomiti, montagna, natura, bellezza, Alto Adige, Südtirol, South Tyrol, Italy, collaborazione, regenerative design, biophilia, Living Building Challenge, wellbeing, beauty, Living Future Europe, education, innovation, circular economy.

Accreditamento professionale e attestati finali

  • Attestato di partecipazione (partecipazione al 100% delle attività)
  • 16 Crediti LFA (General)
  • CFP Architetti - richiesti
  • CFP Ingegneri - richiesti

Al termine di questo corso intensivo, i partecipanti devono solo completare il programma di studi di base LFA (Foundational Curriculum) per accumulare tutti i crediti CE necessari per ottenere l'accreditamento Living Future (LFA).

  • Giuseppe Barbiero Università della Valle d’Aosta. Biologo, ricercatore di ecologia all’UniVDA. Si occupa di biofilia e di progettazione biofilica.
  • Carlo Battisti Living Future Europe. Ingegnere, consulente e manager per l’innovazione sostenibile. Presidente di Living Future Europe.
  • Cristina Larcher  Life, Sport e Corporate Coach. Facilitatrice e trainer in ambito comportamentale e di sviluppo personale, Scrum Master.
  • Rita Trombin  Psicologa ambientale. Promotrice internazionale del benessere interno-ed-esterno attraverso la biophilia e la psicologia.
  • Marco Rossato Living Future Italy Collaborative. Ingegnere e Architetto, Export Manager e Consulente Sostenibilità. Facilitator del LFIC.
  • Paola Girolametto Yoga Trainer
  • Giulio Pizzuti Mafi Italia. Direttore commerciale.
  • Chiara Valensisi Manni Group. Ingegnere civile ambientale.

Giuseppe Barbiero

Biologo, ricercatore di Ecologia all’Università della Valle d’Aosta dove insegna Biologia e Ecopsicologia (in co-docenza con Marcella Danon). È direttore del primo Laboratorio di Ecologia Affettiva in Europa ed è codirettore della rivista scientifica internazionale Visions for Sustainability. I suoi principali interessi scientifici riguardano: l’ipotesi di Gaia (Gaia hypothesis), l’ipotesi della biofilia (biophilia hypothesis), la progettazione biofilica (biophilic design) e la consapevolezza ecologica (green mindfulness). Nell’ambito della progettazione biofilica ha coordinato la riqualificazione edilizia della scuola primaria di Gressoney-La-Trinité (AO), realizzando la prima scuola biofilica in Italia a cui ha fatto seguito un monitoraggio sperimentale durato oltre due anni. È altresì responsabile del biophilic design del Biosphera Project di AktivHaus. È autore con Rita Berto di Introduzione alla biofilia (Carocci, 2016) e di Ecologia affettiva (Mondadori, 2017).

Carlo Battisti

Laurea in Ingegneria Civile al Politecnico di Milano, circa vent'anni di esperienza in imprese di costruzioni. Master in gestione e sviluppo organizzativo presso MIP, la Business School del Politecnico. Project Manager certificato IPMA®. Professionista accreditato LEED®, Living Future e WELL. USGBC® e WELL Faculty™. Blogger. Dal 2009 collabora con IDM Südtirol-Alto Adige come innovation manager nel reparto Business Development, dove ha facilitato nel periodo 2013-2019 un gruppo di lavoro sulla "Qualità ambientale interna (IEQ)". Dal 2017 collabora con Eurac Research come chair e project manager dell'azione COST 16114 RESTORE (REthinking Sustainability TOwards a Regenerative Economy). Dal 2018 è direttore esecutivo per l’Europa per l'International Living Future Institute e ora presidente di Living Future Europe. La missione di LFE è di accelererare il cambiamento e fornire la necessaria direzione per la transizione verso una progettazione rigenerativa in Europa.

Paola Girolametto

Paola è un insegnante di Hatha Yoga specializzata in Ayurveda Yoga terapia e Wellness Coaching. Lo stile di yoga che propone è una pratica che coinvolge a 360 gradi, una fusion degli insegnamenti millenari dell’Hatha Yoga e della Medicina Ayurvedica, rivisti in chiave moderna. Uno yoga per chi è alla ricerca del vero sé, di entrare nella sfera più intima della vita e per chi, invece di vivere una vita basata sulla propria agenda e su un’idea prefissata di come la vita dovrebbe andare, desidera entrare in un mondo senza limiti e scoprire ciò che veramente è possibile. Paola ha lavorato con tantissime persone, sia in Italia sia all’estero e la sua esperienza include percorsi di gruppo e individuali e workshop aziendali la per prevenzione e cura dei disturbi legati all’ambiente lavorativo. Dirige ora un centro corsi e vacanze yoga a Ronzone, un luogo magico tra le montagne del Trentino, dove si può soggiornare e rigenerarsi mentalmente e fisicamente, in completa connessione con la natura. 

Cristina Larcher

Dopo una pluriennale esperienza come Product & Marketing Manager in aziende che operano sul mercato internazionale, decide di seguire le sue passioni.  Ha frequentato un Master in Coaching umanistico con specializzazione in ambito Life, Corporate e Sport, un Master in Formazione Esperienziale, una Masterclass con Kaos Pilot sulla progettazione della Formazione. Dal 2012 lavora come facilitatrice e trainer in ambito comportamentale e di sviluppo personale, come Coach è iscritta ad AICP, nel 2020 ha conseguito la Certificazione Agile Scrum Master. Ama stare immersa nella natura e organizzare percorsi outdoor sia per la crescita personale, che per l’allenamento delle competenze comportamentali. Nel nostro percorso ci aiuterà a comprendere il Mindset Agile ed utilizzare il Framework Scrum, faciliterà il nostro lavoro e ci accompagnerà anche nei momenti outdoor con attività e momenti di riflessione per potenziare il nostro allenamento.

Rita Trombin

Specializzata in salute mentale e psicologia ambientale (King’s College London, Università di Padova, IUAV di Venezia, University of Oslo). Ha una passione per incoraggiare la progettazione biofilica e basata sull’evidenza per promuovere benessere, innovazione e sostenibilità. In questa veste, ha perseguito numerose opportunità internazionali in ambito di ricerca interdisciplinare, consulenza, formazione e disseminazione. Rita ha esplorato il continuum tra dentro-fuori lavorando in centri di ricerca a Londra, Hong Kong, India, Singapore, USA, come Green Educator alla Green School di Bali in Indonesia, e come Ambassador del Global Ecovillage Network in diversi paesi in Europa, sviluppando così la sua sensibilità sistemica per le inter-relazioni tra persone e ambiente. Con i suoi percorsi digitali e di coaching “Metamorphosis” ispira le persone a riconnettersi al loro profondo sé naturale, in modo che insieme ognuno di noi possa cambiare il mondo partendo dal proprio spazio interiore.

Giulio Pizzuti

Da 20 anni nel campo dell’edilizia con molteplici esperienze che vanno dal mondo del bagno e del riscaldamento alla bioedilizia, prima con Rubner Haus ed ora con Mafi, azienda austriaca con 101 anni di storia, che da più di 40 anni rivolge il massimo impegno al rispetto della natura e all’utilizzo di materie prime prive di emissioni nocive per l’uomo: il legno, gli oli vegetali ed un collante naturale, la colla vinilica che tutti conoscono e che usano i bambini per fare i lavoretti a scuola e non contiene formaldeide. Nei prodotti Mafi non si trovano infatti tracce di solventi, indurenti vernici e sostanze tossiche in genere. Per il ciclo produttivo vengono impiegate energie rinnovabili, non vengono prodotti rifiuti tossici e c’è una particolare attenzione a non generare sprechi di materie prime. Gli scarti vengono utilizzati per la produzione di pellets. I parquet naturali Mafi sono i primi ad avere conseguito la certificazione Living Product Challenge, oltre all’etichetta Declare.

Marco Rossato

Laurea in Ingegneria Edile - Architettura presso l'Università di Trento. Specializzazione presso l'Università Lusíada, Lisbona. Esperienza decennale maturata nel settore delle costruzioni e dell'impiantistica in ambiti multidisciplinari ed in contesti nazionali ed internazionali. Training in analisi biostrutturale STRUCTOGRAM® S1. Esperienze di Leadership, Life Design e Coaching maturate presso MICAP®, IAM® e RYL®. Professionista accreditato Living Future (LFA).
Nel 2017 partecipa al concorso ReGeneration LBC e successivamente entra a far parte del Collaborative in qualità di membro del comitato di gestione, responsabile prodotti (LPC & Declare, Company outreach) e di Ambassador. Dal 2020 è Facilitator del Living Future Italy Collaborative (LFIC). La missione di LFIC è di accelerare il cambiamento e fornire la necessaria direzione per la transizione verso una progettazione rigenerativa in Italia.

Chiara Valensisi

Ingegnere Civile/Ambientale, interessata alle tematiche relative alla sostenibilità ambientale e sociale già durante il percorso universitario. Durante la sua carriera si è affacciata ai progetti finanziati dai maggiori organismi internazionali (quali Word Bank e Comunità Europea) con un particolare focus per la conservazione delle risorse ambientali. All’interno dell’ufficio tecnico Isopan si occupa dell’assistenza tecnica per l’individuazione delle migliori soluzioni per il cliente, con particolare predilezione all’impiego di materiali in possesso di requisiti ambientali, EPD, LCA, Declare, o che contribuiscano all’ottenimento di certificazioni ambientali dell’edificio (protocolli LEED e BREAM). In Isopan Chiara ha approfondito tematiche che spaziano dalle performance tipiche del pannello sandwich -isolamento termico e capacità portante- alla certificazione dei prodotti per la sicurezza al fuoco, le capacità meccaniche in caso di eventi eccezionali e in materia ambientale.

  • Architetti, ingegneri, consulenti per la sostenibilità, project manager, ricercatori, tecnici di aziende produttrici, proprietari, immobiliaristi, designer di interni e di prodotto
  • Pagamento della quota di iscrizione entro i termini previsti

TRANSFORMATIVE SPONSOR

REGENERATIVE SPONSOR

Vuoi diventare uno Sponsor di BIOPHILIA 2020?
Scrivi a carlo.battisti@living-future.org per conoscere le opportunità. 

Media partner

 

La quota di partecipazione comprende:

  • Alloggio presso la struttura Felizitas in chalet di legno da 4 posti letto
  • Prima colazione (presso Felizitas), pranzo e cena presso ristoranti nelle vicinanze
  • Materiale didattico in formato digitale
  • Oltre ai 16 crediti CE generali LFA i partecipanti riceveranno uno sconto di iscrizione del 10% sul corso "Getting Started with Biophilic Design" e anche uno sconto del 10% (2 crediti) sul programma di studi di base LFA (Foundational Curriculum).
  • Membership gratuita ILFI (valore $ 100 USD) gentilmente offerta dal nostro sponsor Manni Group
  • Polizza RCT e infortuni relativamente alle attività previste

La quota di partecipazione non comprende:

  • Trasferimento a/da la località prevista per il workshop
  • Spostamenti in loco per raggiungere gli esercizi di ristorazione previsti per il vitto (pranzo e cena) e le altre località dove sono previste alcune attività outdoor. Segnaliamo che tutta l’iniziativa si svolge comunque in un raggio d’azione molto ridotto intorno alla località Felizitas, con possibilità di raggiungere gli altri posti a piedi o con un tragitto in auto di pochi minuti. 

Quota di iscrizione: 

  • [early bird] entro il 6 settembre 2020: € 1.250.
  • [regular] entro il 13 settembre 2020: € 1.400.
  • gruppi di 3 o + partecipanti dalla stessa organizzazione: sconto 10% sulla quota.

Per formalizzare l’iscrizione, procedere al versamento della quota di iscrizione - causale: “Nome, Cognome, BIOPHILIA 2020” - secondo le coordinate bancarie di seguito indicate, e inviare una mail a info@living-future.eu con una breve motivazione sull’intenzione di partecipare al workshop, allegando copia del bonifico e un curriculum vitae sintetico. 

Coordinate bancarie:

Living Future Europe ETS
Indirizzo:
NOI Techpark
Via Alessandro Volta 13a
I-39100 Bolzano 

Banca:
Intesa Sanpaolo
Filiale 55000
IBAN: IT84 J030 6909 6061 0000 0169 809
BIC: BCITITMM
Indirizzo:
Piazza Paolo Ferrari 10
I-20121 Milano

Policy e clausole anti Covid-19

La struttura dove avviene il workshop osserva le misure di sicurezza relative al Covid-19, in difesa della salute dei partecipanti. Maggiori informazioni sono disponibili qui sul sito web della struttura. Ai partecipanti è richiesto di osservare le misure in vigore alla data. Inoltre provvederemo alla registrazione dei partecipanti e alla rilevazione giornaliera delle temperature. Si suggerisce di avere scaricata sul proprio smartphone l’app Immuni. L’alloggio è in chalet di legno per massimo 4 persone ciascuna, con camere a 1 o 2 letti.  

Abbigliamento

Dato il contesto e la tematica del workshop, è consigliato in genere e per le attività outdoor un abbigliamento comodo da tempo libero, sportivo, con calzature da montagna, giacca antivento. Sono previste una o più escursioni nei dintorni, difficoltà: turistico (T) o escursionistico (E). 

Come raggiungere Felizitas

Felizitas è raggiungibile da Bolzano via MeBo e Passo Palade (50 minuti da Bolzano), secondo queste indicazioni, oppure da sud con uscita Trento Nord dall’autostrada A22, risalendo la Valle di Non (1 ora circa da Trento Nord) seguendo questo tragitto.

Vitto

Compreso nella quota di iscrizione. L’organizzazione ha previsto per i pasti di usufruire di uno o più dei seguenti esercizi:

Scadenza finale per la registrazione: domenica 13 settembre 2020. Iscrizioni agevolate “early bird” entro domenica 6 settembre 2020.

Posti limitati: per motivi organizzativi e logistici, la partecipazione è riservata a massimo 16 partecipanti. L’iscrizione viene accettata in ordine cronologico e diventa immediatamente operativa al pagamento della quota all’atto della registrazione.

Rimborso in caso di rinuncia: in caso di rinuncia per motivi personali del partecipante, sono previsti i seguenti rimborsi: 

  • Fino al 13 settembre 2020 compreso: 100% della quota
  • Tra il 13 settembre e il 30 settembre 2020: 50 % della quota.
  • Dal 1 ottobre 2020: nessun rimborso.

Annullamento dell’evento: l’organizzazione si riserva il diritto di annullare l’evento all’occorrere di una o più delle seguenti ipotesi

  • Mancato raggiungimento di un numero minimo di 12 partecipanti iscritti.
  • Recrudescenza della pandemia Covid-19 e relative disposizioni volte a limitare o a impedire la realizzazione di eventi analoghi a questo.
  • Altre cause di forza maggiore (esempio: condizioni climatiche particolarmente avverse). 

In caso di cancellazione dell’evento, l’organizzazione provvederà a informare prontamente via email il partecipante, che ha diritto al solo rimborso della quota versata. 

BIOPHILIA 2020 è un’immersione nella natura, cinque giorni insieme nei boschi dell’Alto Adige per apprendere e applicare i principi della progettazione biofilica, in un’esperienza che combina biologia e agile management, architettura e psicologia, ingegneria e sostenibilità rigenerativa. Siete pronti per il primo “Biophilic Camp” italiano?

Hashtag:

#Biophilia2020 #LivingFutureEurope #LivingBuildingChallenge #SouthTyrol 

COPYRIGHT © 2020 LIVING FUTURE EUROPE, TUTTI I DIRITTI RISERVATI.

×

LBC 4.0 workshop (ITA)

×

It’s time to create a Living Future (ENG)

×

LBC 4.0 workshop (ENG)

×

It’s time to create a Living Future (NED/ENG)

×

It’s time to create a Living Future (ENG)

×

LBC 4.0 workshop (ENG)

LBC 4.0 workshop (ENG)


On Demand

Kosovo
Webinar
4 LFA Foundational CE Credits
×

LBC 4.0 workshop (ENG)

×

It’s time to create a Living Future (ALB/ENG)